Ti trovi qui

Home | News | Il Cacciucco? Solo quello buono è quello certificato a “5C”

Il Cacciucco? Solo quello buono è quello certificato a “5C”

Mediagallery

Sebbene il cacciucco sia un piatto autarchico e anarchico, era necessario definire un percorso che ne tutelasse l’immagine e le tipicità culinarie tutelandolo da derive creative e fantasiose che rischiavano di snaturarne l’identità tradizionale. A questo scopo la ProLoco Livorno ha promosso e coordinato un Comitato di Certificazione che ha redatto il processo di preparazione del Cacciucco livornese tipico-tradizionale 5C, depositando il relativo marchio e definendo lo schema d’accreditamento dei ristoranti per la sua licenza d’uso.

La certificazione, senza imporre parametri troppo rigidi, definisce la variabilità dei singoli ingredienti, sia come percentuale, sia riguardo alla loro provenienza (che deve essere tassativamente del territorio). Le 5C della certificazione rappresentano in pratica uno spartito sul quale ogni cuoco può creare, personalizzandolo, la propria sinfonia di sapori, rispettando però i limiti legati alle tipologie e alle caratteristiche degli ingredienti.

I requisiti di accreditamento sono rigorosi (specialmente per quanto riguarda l’origine degli ingredienti) ma essenziali, senza inutili appesantimenti burocratici. Possono far domanda di accreditamento e conseguente uso del marchio collettivo Cacciucco Certificato 5C i ristoratori del comune di Livorno e dei due comuni contigui di Collesalvetti e Rosignano.

Obiettivi della certificazione
Tutelare e valorizzare l’identità della ricetta del cacciucco livornese tipico tradizionale, differenziandola dai falsi e dalle pseudo imitazioni.

Informare, orientare e tutelare i consumatori che intendano gustare il tipico e tradizionale cacciucco livornese evitandogli l’inganno di mangiare una pietanza preparata con pomodori cinesi, polpi dell’oceano indiano e olio congelato di dubbia provenienza, spacciata per cacciucco livornese;

Diffondere in Italia e all’estero la ricetta livornese tipica-tradizionale del Cacciucco mediante la creazione e il lancio del marchio di certificazione del Cacciucco Livornese 5C, contribuendo in un processo integrato di marketing territoriale a valorizzare e rinforzare l’attrattiva turistica della gastronomica tipica livornese.

Il significato di 5C:
La definizione 5C si ispira alla parola “Cacciucco” che contiene infatti cinque “C”, una peculiarità che è stata evidenziata per sottolineare l’originalità e la tipicità della ricetta. All’interno del percorso di certificazione sono stati associati a ciascuna delle “5C” altrettanti significati che sintetizzano lo schema di valorizzazione:

  • Caratteristico (tipico di Livorno e dei comuni contigui “contaminati”);
  • Classico (ha radici profonde nella storia, nella cultura e nelle tradizioni della città);
  • Cucinato con cura e competenza (fanno parte della pietanza l’abilità, la passione e l’orgoglio di cucinare un grande piatto).

Le 5 C mantengono immutato il loro significato anche in inglese: Characteristic, Classic, Cooked with Care and Competence, favorendo così la diffusione internazionale del marchio. La ProLoco ha provveduto a depositare il Marchio collettivo identificativo della Certificazione 5 C, presso la Camera di Commercio di Livorno.

I membri del Comitato di Certificazione
Il Comitato di Certificazione comprende al massimo grado gli enti e le associazioni di categoria aventi interesse nell’iniziativa: Comune di Livorno, Capitaneria di Porto, Camera di Commercio, ADICONSUM (Associazione Difesa Consumatori), CNA, Coldiretti, CIA-Confederazione Italiana Agricoltori; Confesercenti, Confcommercio, FISAR (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori), Federcoopesca, Consorzio Regionale Pane Toscano, Accademia Italiana della Cucina, ANCeSCAO (Assoc. Naz. Centri Sociali, Anziani e Orti), Associazione del Cacciucco, Enjoy Cacciucco.